martedì 5 gennaio 2021

Chaplin Award - Il premio ai migliori post del 2020

Inauguro il nuovo - e speriamo molto migliore del precedente - anno, continuando una tradizione ormai arrivata alla... quinta (!) edizione: il mio personalissimo applauso ai blogger che hanno scritto almeno un post memorabile, meritevole a mio parere di essere segnalato. 

Non posso però non esprimere prima tutta la mia gratitudine a tutti i blogger e le blogger che seguo ormai assiduamente da anni, ma anche alle nuove scoperte, in particolare in questa occasione, perché dopo un anno così straordinario come quello appena concluso, in molti siamo andati avanti, anzi abbiamo trovato nel blogging quella modalità di comunicazione irrinunciabile. 

Se negli anni precedenti la mia classifica dei 10 post ha seguito un ordine temporale, questa volta l'elenco è un vero e proprio indice di gradimento e un omaggio all'idea, la creatività, il modo di porla, lo stile di scrittura, il mio personale livello di interesse

Rullino i tamburi... eccovi i migliori 10 post del 2020. 

1. Lettera a un diciottenne che vota per la prima volta, di Elena Ferro del blog Volpi che camminano sul ghiaccio. Il post è originale, l'idea è splendida. È come un inno all'intelligenza e sensibilità dei giovani, l'adulto che indica, fiducioso e certo che ogni giovane è chiamato a un dovere fondamentale. Elena conosce la materia politica, così come le implicazioni del diritto a una scelta importante. 

2. Picasso, Einstein, Stephen King e Sergio Leone, di Alessandro Borgogno del blog Linea d'orizzonte. Di questo post ho amato l'idea della contaminazione fra generi. Alessandro, che conosce bene la materia, propone dei confronti che fanno riflettere e desiderare di guardare meglio, soffermarsi meglio sulle cose, poiché possono rivelare dei rimandi molto interessanti. 

3. Lessico familiare, di Marina Guarneri del blog Il Taccuino dello Scrittore. Un post come questo semplicemente non si può perdere. È ironico, surreale, goliardico e ha il sapore di quella sicilianità che è un marchio di fabbrica. Un ricordo che diventa un racconto delizioso e allo stesso tempo l'occasione di fare il punto sull'importanza del dialetto come valore culturale. 

4. Una riflessione di Giuliano su Andrej Rubliov. Questa menzione vuole ricordare un articolo interessantissimo ma in particolare la persona che l'ha scritto. L'amico Giuliano del blog Il cavallo di Brunilde, scomparso di recente, autore di blog ricchissimi di notizie, mente brillantissima, persona cordiale e puntuale. Un grandissimo signore che ho avuto il piacere di conoscere fra i commenti al mio blog e al suo, che ha condiviso con Giacinta. Mancherà. Tantissimo. Giuliano lascia in eredità i blog che ha curato, fine conoscitore di arte, musica, cinema, onnisciente. E maestro di eleganza. 
Consultate il blog Giulianocinema per fare un viaggio in questa arte. 

5. Nostalgia del sottosuolo. "Un etnologo nel metrò" di Marc Augé, di Cristina Cavaliere del blog Il Manoscritto del Cavaliere. Ispirato dal distanziamento sociale al tempo delle prime restrizioni, Cristina ci parla di questo viaggio nei "non luoghi urbani" realizzato dallo studioso, seguendo un ragionamento intorno ai comportamenti umani, le abitudini, lo sviluppo di queste arterie sotterranee e il loro differenziarsi nel mondo. Sempre interessante leggere Cristina, una menzione non manca mai. :)

6. Diritto d'autore e tutela dell'opera. Gli strumenti per difendersi dal plagio, di Barbara Businaro del blog Webnauta. Post irrinunciabile per saperne di più riguardo a questo fondamentale aspetto: proteggere le opere originali, conoscere i modi in cui avviene un plagio, in particolare del libro pubblicato. Un vademecum che offre un ampio panorama di scelta per la tutela dell'opera. 

7. Sangue a Hollywood: Storia di una insegna e dei suoi fantasmi, di Nick Parisi del blog Nocturnia. Una di quelle chicche che non riusciresti a scovare tanto facilmente, per altro ben raccontata e divisa in più di un post. Mi ha affascinato anche perché mi riporta all'epoca in cui vidi da vicino quell'icona che ha stuzzicato la mia immaginazione fin dall'infanzia. 

8. Kaidan Botan Dōrō, di Obsidian Mirror dell'omonimo blog. Segnalo la prima parte, ma non perdetevi il resto. Uno degli articoli più interessanti del longevo Tom, fine conoscitore di tanta cultura dell'estremo oriente, contenente anche un frammento di Teatro Kabuki, che offre l'occasione di un confronto con il teatro occidentale.

9. La città incantata Hayao Miyazaki, di Julia del blog Books & Kimonos. Torniamo nuovamente in Giappone con la menzione di un post che è praticamente la perfetta recensione di un film amato moltissimo e ancora oggi ritenuto il capolavoro del grande maestro dell'animazione. Addentrandovi nell'articolo, scoprirete quanto conosca bene il mondo di Miyazaki. 

10. Pinocchio. La storia di un burattino, di Long John Silver del blog Il rifugio di Long John Silver. La recensione molto bella di un classico del quale abbiamo ancora molto da scoprire. Il post mi piace anche perché rivela la grande passione di un lettore per un classico intramontabile. 

Congratulazioni ai menzionati! Non resta che darvi appuntamento al prossimo anno.
Buon blogging per questo 2021 carico di aspettative

24 commenti:

  1. Grazie Luz, per il tuo omaggio a Giuliano. È difficile accettare la perdita improvvisa di una persone fine, colta, dell’amico che mi ha regalato momenti di condivisione unici. Giuliano lascia tantissimo al mondo della rete e sarà sempre vivo per chi continuerà a leggerlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È strano come, pur non avendolo mai conosciuto di persona e perfino visto, si potesse cogliere tutta la sua gentilezza. Supportata poi da una cultura monumentale. Una bella persona, mi dispiace moltissimo per la sua scomparsa. Questo omaggio è stato il minimo per ricordarlo e richiamare l'attenzione su tanto di buono che ha scritto in tanti anni di blogging.

      Elimina
  2. Luana sono lusingata davvero della tua scelta. E' il terzo Chaplin che mi assegni ma questa volta ti sei assunta l'onore di indicare una tua classifica personale in cui il mio post, un post cui sono molto legata perché parla del futuro, è addirittura primo in classifica! Grazie grazie grazie, mi hai sorpreso e commosso. Il post prosegue con un elenco di contenuti che praticamente non conoscevo. E' una risorsa importante per allargare le conoscenze e apprezzare anche gli altri blogger che ti hanno colpita. Mi complimento con tutti loro. Non so che anno sarà questo 2021 ma tu me lo hai fatto cominciare nel modo migliore. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che questo premio sia così significativo per te. Ho sbirciato il tuo blog e non vedo l'ora di leggere il tuo post dedicato.
      Quel tuo articolo mi colpì molto. Poi si sarà capito che questa top ten (da quest'anno vera e propria classifica), viene costruita pezzo a pezzo durante tutto l'anno, non messa insieme alla fine. Sono un tipo esigente, premiare quello che a mio parere è molto buono fra quello che circola in rete è perfino doveroso, perché rappresenta un piccolo contributo alla divulgazione di quello che vale molto.
      Un abbraccio a te.

      Elimina
  3. Grazie Lu! È sempre un onore (poi sul podio...;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potevi che rientrare fra i primi tre con quel tuo bell'articolino. :)

      Elimina
  4. Alcuni li ho già letti "in presa diretta" quando sono stati pubblicati, gli altri li vado a scoprire ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che è una parte della soddisfazione: diffondere il verbo. :)

      Elimina
  5. Onoratissimo di far parte di questa top-ten, specialmente considerando l'ottima compagnia (sono circondato praticamente da veri mostri sacri del blogging). La serie di post sul Botan Doro è stata una mezza impresa (venuta al mondo solo grazie a una convalescenza di due settimane) e sono particolarmente lieto che sia finita qui. Non esiste riconoscimento più grande. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avere apprezzato questa menzione, TOM.
      La serie è interessante, imperdibile direi. E traspare tutto il lavoro immane di ricerca che c'è dietro. Come ricorderai, il tuo blog fu uno dei primi in cui navigai ormai quasi 6 anni orsono. Ti leggo, anche se non sempre commento.

      Elimina
  6. Ma grazie davvero! E' il mio primo Chaplin Award e ne sono orgogliosissimo! Oltretutto mi arriva grazie ad un post che ho amato parecchio scrivere. Felicissimo anche per essere finito in ottima compagnia di grandi blogger molto più bravi di me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel post è una vera chicca, doveroso menzionarlo. Che poi è quello che apprezzo del tuo spazio scrittorio, Nick. Traspare passione e preparazione per tanti aspetti inediti, offre delle curiosità. Di conseguenza partecipa ad ampliare la nostra conoscenza. Dici poco. ;)

      Elimina
  7. Il tuo post su Facebook è arrivato ieri sera esattamente al termine dell'allenamento, e quindi con una faccia stravolta e la vista annebbiata ero lì a chiedermi "Oddio, e che avrò combinato adesso?" :D :D :D
    Grazie, sono molto lusingata, quel post mi è costato parecchio lavoro e approfondimento perché il tema, soprattutto a livello tecnico, altrove non viene correttamente analizzato, pur di vendere questo o quell'altro servizio.
    Notevole anche tutte le tue altre menzioni, che sono andata subito a leggermi. Ecco, non sapevo tanti particolari de "La città incantata" di Miyazaki (forse perché mi mancano certi dettagli della loro cultura, come tutte le diverse divinità, quasi trecento mi pare di aver letto altrove), però il mio preferito rimane "Il castello errante di Howl", seguito a ruota da "Arrietty - Il mondo segreto sotto il pavimento" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, tutto il lavoro di approfondimento che c'è dietro traspare eccome. Ma poi è come un "servizio" che tu offri al lettore, qualcosa che hai studiato e conosci che offri a chi legge, serve tanto saperne di più.
      Grazie a te per averlo apprezzato.
      Arrietty è il mio film del cuore di Miyazaki. :)

      Elimina
  8. Dopo il Franken-meme di Nick, arrivi anche tu a ispirarmi nuovi viaggi tra blog. Preparo lo zaino. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me ogni volta è come un viaggio!

      Elimina
  9. Mamma mia, che emozione ricevere ancora una volta il Chaplin Award. <3 Ti ringrazio davvero moltissimo, anche perché non sono sicura di meritarlo. Ti confesso che questo 2021 mi coglie colpita da un senso di scoraggiamento crescente su più fronti, nonostante i buoni propositi manifestati. Mi ha molto colpito anche la scomparsa di Giuliano del blog Il cavallo di Brunilde. Dei post nominati ho letto soltanto quello di Nick "Sangue a Hollywood: Storia di una insegna e dei suoi fantasmi", è una nuova occasione per recuperare anche gli altri e leggerli con attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il merito è innegabile. Non è anzi facile premiare un solo tuo articolo, perché durante l'anno mi segno almeno due o tre post. C'è l'imbarazzo della scelta. :)
      Non ti lasciare scoraggiare, Cristina. Dobbiamo andare avanti e sapercela raccontare più in là, quando ci parrà perfino strano guardarci indietro.

      Elimina
  10. Luana, ma che grande onore! 🤗 Doppio, perché hai apprezzato qualcosa che mi appartiene nel profondo, il dialetto, la parte visibile del mio grande amore per la Sicilia. Conosco molti degli articoli che hanno ottenuto il riconoscimento e sono meritati, mi aggiornerò con gli altri: se li hai votati come i migliori dell’anno, vale la pena andare a leggerli.
    Grazie mille. Abbraccio virtuale e 💐

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel post mi ha divertita e mi ha fatto andare un passo in là, nei ricordi della mia terra d'origine. E poi, insisto sul valore del vernacolo come peculiarità culturale che non possiamo trascurare. Un tempo non la pensavo così, mi sono ravveduta. :)

      Elimina
  11. Mi fa piacere che tu abbia apprezzato il mio post su Pinocchio. Come accaduto all'italico burattino con l'intervento della Fata Turchina, con la tua nomination, sento che il mio legnoso blog è diventato finalmente un "blog vero".

    Sono estremamente orgoglioso dell'evento, ho pubblicato la foto sul mio blog. Ancora grazie mille.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo pensare che sia stato una specie di battesimo magico. :)
      Grazie per aver menzionato il premio di là. È stato bello premiare un post che rievoca un personaggio irrinunciabile.

      Elimina
  12. Molti post li avevo letti perché seguo i bravi blogger che li hanno scritti. Non conoscevo Giuliano, non so, sapere che è scomparso mi fa sentire di aver perso qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuliano era veramente un gentiluomo, colto e disponibile.
      Possiamo continuare a leggerlo nei suoi blog, che continueranno a rappresentare un archivio.

      Elimina