mercoledì 4 marzo 2015

Il mio frenetico tran tran... shakespeareano.

Non è semplice star dietro a tutto in questi giorni. Avete presente quando a un periodo di calma semipiatta subentra la frenesia di impegni più esagerata? Ecco, questo succede quando a scuola, prove, palestra, famiglia, subentra... il debutto dello spettacolo.
Ci siamo quasi, al momento mancano nove giorni, e si susseguono come sempre prove su prove, "aggiustamenti", ripensamenti, ritocchi, un brusio creativo e brulicante di parole, costumi, parrucche, scarpe con fibbia e senza, ventagli, bastoni da passeggio, oggetti di scena, sciarpe consunte, cilindri e calze, trucchi ed escamotage più disparati. E' la prima volta che mi misuro con questo grandissimo, e ho preferito farlo con discrezione e una drammaturgia che mescola sacro e profano, drammatico e comico. Non poteva che essere così, perchè questo mio lavoro parla di una ricerca, spasmodica e un po' sofferta, del segreto del grande Bardo, attraverso un viaggio fra i temi essenziali del suo teatro, questa dimensione senza tempo che ha saputo concretizzare, celebrata in tutto il mondo da sempre. Cosa ne sarà solo il pubblico potrà decretarlo. Quello che so io è che l'esperienza di scrittura e poi di realizzazione di questo lavoro è stata intensa e molto particolare, poiché ha toccato aspetti finora mai sperimentati in prima persona.
Mi piace questo teatro "poetico". Per anni ho realizzato messe in scena di commedie brillanti piuttosto note, ma non ho mai ricevuto tanta soddisfazione, e forse riconoscimenti, come quando affronto questo tipo di narrazione scenica. E' uno stile che tocca l'immaginazione, il sogno, l'impalpabile luogo senza tempo dove solo gli animi sensibili sanno guardare. Ed è un teatro difficile per chi deve costruirne le atmosfere. Insomma, una sfida vera e propria. Spero che abbia gli applausi che credo meriti.

6 commenti:

  1. Ma allora M..DA!

    Una grande sfida: metà eccitazione, metà agitazione.

    Forza e coraggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Ludo! Ogni incoraggiamento è indispensabile. Fare teatro, offrire un prodotto nuovo e "coraggioso" al pubblico, non è semplice. Sono per un teatro non comune, non banale, deve trasmettere qualcosa, essere qualcosa.
      :-)

      Elimina
  2. Sono approdata sul tuo blog grazie a Ludo e... mi sembra di aver scoperto un piccolo paradiso ^^! Abbiamo molte passioni in comune, una di queste è Shakespeare. Mi piacerebbe infinitamente assistere al tuo spettacolo, se fossi di Roma o dintorni tra gli applausi ci sarebbe anche il mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il solo pensiero mi fa piacere, Pamela! Giorni frenetici, stasera debuttiamo. Siamo immersi fra pizzi, merletti, oggetti di vario genere, e tanta voglia di fare di questo spettacolo una piccola opera indimenticabile. Ho visto il tuo bellissimo blog, non vedo l'ora di condividere tanta scrittura con te. A prestissimo e grazie!

      Elimina
  3. Sarà andato tutto benissimo e tu avrai ancora nelle narici quell'odore di palco, misto all'odore dei camerini della cipria di tutto quello che fa scena e che non dimentichi mai. Io lo provo con la danza mia cara e avrei voluto tanto essere alla tua prima, chissà, un giorno ..è tanto rotonda la vita!
    Per i momento mi iscrivo sperando di averti anche tra i miei amici...
    Un abbraccio forte e grazie!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella, è andata più che bene. Talmente da meritare un articolino su quanto è stato, e sarà, perchè questo spettacolo farà un lungo viaggio. :-)

      Elimina

Ti potrebbero interessante anche:

Ti potrebbero interessare anche: